Le Vittorie

Nell’immediatezza della vittoria il popolo cittavecchino si riunisce in un fiume di gioia, di canti e di fazzoletti bianconeri. Prima nasce un corteo per raggiungere la Sede e poi, dopo qualche bicchiere di buon vino, la sfilata trionfale per tutta Massa Marittima.
Nei giorni successivi i cittavecchini si radunano ancora per la sfilata della “presa di giro” agli altri terzieri sconfitti.
Infine si festeggia e si plaude al vincitore durante la Cena della Vittoria.
L’organizzazione di questa cena è cosa complicata e laboriosa perchè sono pochissimi i giorni a disposizione dopo la vittoria nel Balestro. Alla tavola dei festeggiamenti si siedono circa 250 persone e lo sforzo richiesto alle nostre grandissime cuoche è veramente enorme. Un impegno che spesso molti non conoscono perchè le “Donne della Cucina” finiscono il loro lavoro solo quando la cena è conclusa, restando quindi quasi invisibili.
Alla fine degli anni ‘80, l’interesse per il Balestro, la rivalità fra terzieri e l’avvento dell’informatica portarono nuovi tipi di festeggiamento. Oltre alle cene della vittoria e le “prese di giro” c’era la voglia di marcare le disavventure degli altri ed osannare le proprie vittorie, così, grazie all’uso del computer, nacquero i primi “giornalini”.
Nel Giornalino ognuno vuole esprimere la propria opinione e con divertimento e passione partecipa alla sua realizzazione: c’è chi ama ispirarsi al Vernacoliere, chi disegna fumetti, chi scrive testi divertenti. Oggi ad ogni cena della vittoria ne vengono stampate più di 100 copie.
Da ricordare la cena del 26 maggio 1990 in occasione della 17° Vittoria dove fu stabilito il record di presenze: 360 partecipanti con molte prenotazioni rifiutate per il tutto esaurito. Da sei anni Cittavecchia non primeggiava nel balestro ed in tutto il decennio furono vinti solo due balestri, entrambi da Paolo Boddi. La voglia di festeggiare fu talmente grande che fu deciso di disporre i tavoli lungo tutto il corso: tutto apparecchiato e dove lo spazio lo permetteva anche con due file. Il tutto organizzato in appena sei giorni.

ALBO D’ORO NEL BALESTRO DEL GIRIFALCO

1 – Alberto Martini – 30 Luglio 1961
2 – Tullio Tanagli – 3 Giugno 1962
3 – Alberto Martini – 5 Giugno 1966
4 – Sergio Bianchi – 21 Maggio 1967
5 – Roberto Pieralli – 10 Agosto 1969
6 – Carlo Cassioli – 24 Maggio 1970
7 – Carlo Cassioli – 23 Maggio 1971
8 – Sergio Bianchi – 8 Agosto 1971
9 – Carlo Cassioli – 13 Agosto 1972
10 – Sergio Bianchi – 11 Agosto 1974
11 – Sergio Bianchi – 25 Maggio 1975
12 – Paolo Boddi – 23 Maggio 1976
13 – Sergio Bianchi – 13 Agosto 1978
14 – Roberto Pieralli – 12 Agosto 1979
15 – Paolo Boddi – 10 Agosto 1980
16 – Paolo Boddi – 20 Maggio 1984
17 – Walter Bertella – 20 Maggio 1990
18 – Luciano Donati – 8 Agosto 1993
19 – Paolo Schillaci – 21 Maggio1995
20 – Andrea Salvadori – 13 Agosto 1995
21 – Paolo Boddi – 11 Agosto 1996
22 – Paolo Boddi – 25 Maggio 1997
23 – Luciano Donati – 9 Agosto 2003
24 – Nicola Vatti – 8 Agosto 2004
25 – Alessandro Ugolini – 13 Agosto 2006
26 – Nicola Vatti – 27 Maggio 2007
27 – Walter Bertella – 12 Agosto 2007
28 – Manuele Magrini 30 Agosto 2009
29 – Manuele Magrini – 23 Maggio 2010
30 – Angelo Tonelli – 14 Agosto 2010
31 – Andrea Salvadori – 22 Maggio 2011
32 – Andrea Salvadori – 26 Maggio 2013
33 – Luca Iacometti – 24 Maggio 2015
34 – Walter Bertella – 14 Agosto 2016